Benvenuti!

Benvenuti sul nostro blog!

Qui troverete tutto quello che riguarda la nostra Associazione che si occupa di storia patria, archeologia, cultura e tradizioni popolari del territorio dei comuni di Palma Campania, San Gennaro Vesuviano e Carbonara di Nola. Seguiteci, leggeteci e non dimenticate di lasciare i vostri saluti, commenti e consigli attraverso i link commenti che trovate alla fine di ogni post.

Grazie e buona navigazione a tutti!

giovedì 20 dicembre 2012

Tuoro, tirone, torone, turiello

di Maria Maddalena Nappi
in Passaparola, Anno IV, n. 19, marzo 2011, p. 6

In attesa della prossima pubblicazione dei toponimi dei luoghi della Terra di Palma, anticipiamo la spiegazione di un toponimo frequente a Palma in diverse forme, oltre che in tutta Italia e anche all'estero. Perciò mentre per altre interpretazioni ci siamo arrischiate in ipotesi nuove e nate sul campo, per questo toponimo ci suffragano numerose ricerche di accreditati studiosi e glottologi, nello specifico lo studio di Gaetano Barbarulo, pubblicato, nel 1996, in Archivio Storico per le Province Napoletane, edito della Società Napoletana di Storia Patria. I termini tuoro, toro, etc... sono riconducibili al latino torus/i, che già in età classica, aveva assunto il significato di altura, colle, inteso ora come monticello isolato, ora altura tondeggiante, ora rocca. E questi significati calzano bene ai luoghi palmesi designati in questo modo.
La località Tuoro 'e copp' e Tuoro 'e sott' indica una zona dell'attuale centro storico, densamente abitato, a circa 70 metri sul livello del mare ed anche gli altri Tirone, Torone e Turiello, localizzati in periferia si caratterizzano, come piccole alture, di formazioni recenti, perché risultano formatasi per sedimentazioni alluvionali in corrispondenza di canali scavati lungo le colline di Palma. Tirone o Torone con alternanza apofonica indica una zona rialzata, accumulatasi su una zona attraversata dall'Acquedotto Augusteo e perciò più alta rispetto al territorio circostante, come la località Turiello, immediatamente adiacente. Secondo altri studiosi questi toponimi rimandano a taurus/i, cioè toro e si spiegherebbe con la somiglianza delle catene montuose a teste di tori, come nel caso di Taormina, sulle cui monete è raffigurato il toro, simbolo di forza. Secondo altri il nome di Taormina deve essere riportato al fenicio tur = monte, del resto il toro è frequente nella monetazione greca e magnogreca. Il professore Alessio richiama il termine tauro ad una base indoeuropea tauro = monte, in particolare nei toponimi che hanno conservato il dittongo au, mentre in quelli in cui è presente la o è preferibile il rimando a torus.

© Diritti riservati. Riproduzione consentita previa citazione della fonte.