Benvenuti!

Benvenuti sul nostro blog!

Qui troverete tutto quello che riguarda la nostra Associazione che si occupa di storia patria, archeologia, cultura e tradizioni popolari del territorio dei comuni di Palma Campania, San Gennaro Vesuviano e Carbonara di Nola. Seguiteci, leggeteci e non dimenticate di lasciare i vostri saluti, commenti e consigli attraverso i link commenti che trovate alla fine di ogni post.

Grazie e buona navigazione a tutti!

mercoledì 4 dicembre 2013

A Proposito dello Stemma di Palma Campania

di Luigi Sorrentino
in Passaparola, anno II, n. 14, dicembre 2009

Lapide alla memoria di
Luigi Carrella
sulla facciata del palazzo dei
Servi di Maria - Palma Campania
Sulla facciata del palazzo dei Servi di Maria del nobile benefattore palmese don Luigi Carrella è ancora la lapide che ne ricorda la generosità, per aver fondato un asilo infantile nel 1916, gestito dall'Ordine delle Suore di Nostra Signora del Sacro Cuore. L'istituzione dell'asilo accoglieva ogni giorno circa duecento bambini ed in modo particolare quelli appartenenti alle fasce sociali deboli e così consentiva ai genitori di poter lavorare nei campi.
Azione bancaria della
Banca Popolare
Cooperativa
 di Palma Campania
Il Comune il 22 luglio 1919 dedicò la lapide al benefattore, ritraendolo nell'atto di accogliere i bambini. Alla base della lapide troneggia lo stemma cittadino della torre tra due alberi. Un altro analogo stemma abbellisce la chiave di volta della decorazione barocca della penultima cappella della chiesa di Santa Croce al Casale, indizio di patronato civico dell'altare. Del resto, come si è già detto in altri luoghi, l'erezione della chiesa era stata sostenuta dall'amministrazione comunale del 1576. E a suggello dell'iconografia dello stemma si è aggiunto di recente un documento di grande interesse, dono del dottore Gaetano Lauri, un'azione bancaria della Banca Popolare Cooperativa di Palma Campania, fondata nel dicembre del 1889, che riporta al centro, in alto e in basso la torre con i due alberi.

© Diritti riservati. Riproduzione consentita previa citazione della fonte.